Mi succhia

In famiglia è ormai entrato un nuovo verbo.

In realtà non è un nuovo verbo ma una “accezione”, una declinazione.

L’ha inventata la zampetta e ormai la usiamo tutti perchè funziona ed è veramente calzante.

“Non la voglio l’anguria perchè mi succhia” (mi sporco bagnandomi con il succo) “Ma no, basta fare attenzione e vedrai che non ti succhia”

E da qui tutte le varie forme verbali:

“Attenta a non succhiarti” (Non ti sporcare con il succo)

“Non succhiare la maglietta” (Non lasciar cadere ill succo sulla maglietta)

ecc.

Lo proporremo per la nuova edizione dello Zanichelli…

Annunci

Le parole che non ti ho detto

La Zampetta parla ma soprattutto ascolta.

Ascolta e impara dai genitori, dai nonni, all’asilo dalle maestre, dagli altri bimbi…

Una spugna che succhia tutto, curiosa e vorace.

Ed è impossibile controllarla visto che soltanto una parte, per quanto grande, dipende da noi genitori.

Allora capita che se ne esca con delle parole, delle espressioni, che non gli abbiamo insengato noi. Perchè sono parole o espressioni che non usiamo. Niente di male. Fino ad un certo punto!

Qualche giorno fa, in una fase di coccole se ne esce con un ” ‘mmore!”

“Amore? E dove l’hai sentita questa??!!” – “Nonna”

Ah ecco. Noi siamo una famiglia dura e pura e, nonostante le coccole siano ampiamente praticate non ci lasciamo certo andare ad espressioni da donnine come “amore”!

Oppure. In questo periodo la piccola è ossessionata dai rumori. Tutti. Macchine, moto, camion, ma anche sedie che si spostano o uccellini che cinguettano. Quelli piu’ forti la spaventano ma comunque è incuriosita da tutto.

Qualche giorno fa la parola new entry è stata “casino”. Qui in casa cerchiamo di non usare, almeno in presenza della zampetta parole forti o scovenienti o difficili da spiegare. E casino si usa poco in effetti… e invece…

Stasera l’ultima. Eravamo a cena e cosa ti spunta? Una “ciccina”.

Questa poi! La ciccina, la carne, un diminuitivo/vezzeggiativo che vi giuro non ho mai usato in vita mia e mi fa anche un po’  ridere.

All’asilo evidentemente… e cosa vogliamo farci? Se il nostro ammore mangia la ciccina in mezzo al casino?

Mammamimmi

Da qualche giorno abbiamo una nuova parola: mammamimmi.

Che cos’è, chi è mammamimmi?

eeehhhh…

Mammamimmi è la mamma, ma … di più! E’ un superlativo, il superlativo di mamma, una specie di mammissima.

Da dove viene? Ecco, viene da qui:

La Zampetta ovviamente ha molti modi di fare, di dire, di atteggiarsi. E’ normale. E anche quando chiama la mamma, ci sono molti modi di chiamarla. Uno di questi è un modo un po’ cantilenato, in falsetto e modulato: maaaaa-mmmaaaaa…!!

E questo è il richiamo per avere attenzione, affetto, coccole. Insomma, non sto chiamando tanto per fare ma sto chiamando perchè ho bisogno di te, mamma, ho bisogno di te con tutte le M e tutte le A!

E la mamma risponde a questa richiesta con un altrettanto cantilenoso e falsettato “dimmi”.

E dunque:

“Mamma!”

+

“Dimmi!”

=

“Mammamimmi”

Chiaro no?

pecchepecché

Mi sembra un po’ presto ma la piccola Zampetta sembra entrata nella fase del “perché”.

Forse è solo una parola che le è rimsta in testa, forse ha capito davvero cosa sta a indicare.

Fatto sta che, soprattutto quando c’è qualcosa che non le torna o non le piace, allarga le braccia e con espressione più che interrogativa vi guarda e se ne esce con un “pecchepecché”.

“Usciamo, mettiti il giubbino”

“Pecchepecché!”

“Perché oggi piove e fa fresco”

Eh si, vuole anche la spiegazione, giustamente, di quello che stiamo per fare.

“Adesso è l’ora della nanna”  – “pecchepecché!”

“Lavati le manine” – “pecchepecché”

Ed è anche giusto no?

Solo che un paio di giorni fa, nel lettino, si stava svegliando. Ancora intontita dal sonno, si gira, occhi semichiusi, allunga un braccino e, dispiacendosi di essersi già svegliata, dice al cielo: “Pecchepecché??”

In un’aria di vetro

Nottata in bianco, vento forte, persiane che sbattono, zampette che tossiscono e non hanno intenzione di dormire. Notte di sonno iniziato alle 4 e finito alle 6 e mezza. Alle 7 e un quarto, in strada, come al solito del resto, ma sola perché la Zampetta dorme e il babbo la accudisce. Esci, un’aria di vetro, pulita, ghiacciata  quanto basta. E lì, proprio all’incrocio tra le colline, in un blu cobalto senza nuvole, arriva lei, la nostra Signora Luna: grande, rotonda, bianca e piena di mari. Ci volevi, Zampetta, dovevi essere acccanto a me a fare ‘uhhhhh, uuuna’,  e invece facevi la nanna. E ho preferito guardarla io, tutto il tempo possibile, l’ho studiata per bene per potertela raccontare bene stasera, al ritorno.