Ombre cinesi

Funziona così: si spegne la luce. si accende una lampada puntata su un muro bianco (quello del lettino). si mettono le mani davanti alla fonte di luce e si guarda il risultato sul muro. a seconda di quello che viene, Zampetta decide di che cosa si possa trattare: un coniglio, un gatto, forse un maiale… poi sconcertata, guarda la nuova ombra appena prodotta e chiede ‘che animale è? quale animale ha tre zampe?’

Prendere il volo

Villa Camomilla è un posto immerso nella natura. A volte anche troppo, gli incontri notturni con rospi mansueti fanno sussultare chiunque.

Ci sono degli animali fastidiosi, e quelli che danno soddisfazione, nonostante l’evidente fastidio che rilasciano sul pavimento della veranda:  benedette rondini!

Sono uccelli speciali, utili all’ecosistema, tolgono di mezzo le larve di zanzara (insetto odioso di cui è ricca Villa Camomilla), ed eleganti. Simbolo di vitalità, rinascita, primavera. Fanno il nido sotto la tettoia della veranda di casa, e quest’anno, dato il clima insolito hanno deposto le uova due volte di seguito.

Ieri, dopo lungo periodo di svezzamento a base di vermetti, larvette e schifezze varie, che a volte sfuggivano dal becco e finivano a terra, o che venivano assimilate, digerite e in parte espulse (ma mangiavano tanto!) ben 5 rondini hanno preso il volo, e lasciato il nido per le prime escursioni aeree.

E così, la vita va avanti in un trionfo di garriti e  di giravolte sperimentali, a consolare e dare speranza a chi, per il momento, il volo non riesce a prenderlo.

Innocenti evasioni

La Zampetta ultimamente fa fatica a dormire il pomeriggio, specie quando ci sono cose più interessanti da fare.

Ieri è stata una di quelle giornate, a casa dell’amico del mare che ci ha ospitati per un pranzo gusto barbecue, alla faccia della mamma vegetariana. Ma che importa, per stare in compagnia si fa questo ed altro, in più sono stati forniti tomini in quantità, tralaltro apprezzati anche dal pubblico onnivoro.

Si sa, dopo pranzo c’è da fare il pisolino, la Zampetta è stanca e poco socievole per cui la mamma chiede un angolo della casa per trovare un po’ di tranquillità e fare apprezzare alla sua bimba la penombra che finalmente concili il sonno desiderato (più dai genitori che dalla figlia, per verità). L’amico, che vive in una casa da single, ci offre la sua camera. C’è disordine, dice, ma la mamma certo non si formalizza, perché sa che cosa è il caos puro e il caos di un adulto non è niente in confronto.

Così ci mettiamo in questa camera, io e lei, lei in braccio io che la cullo, le dico paroline, le dico che è l’ora di chiudere gli occhi e riposare per essere pieni di energie al risveglio… e lei che, in un ambiente nuovo e sconosciuto, non fa altro che guardarsi intorno. E, insomma, evade dall’obiettivo principale, in direzione di un qualsiasi oggetto in grado di confondere la mamma che, indefessa, continua nel suo intento, nonostante le venga offerto il ciuccio ogni volta che apre la bocca per cantare una canzoncina. Dpo una ventina di minuti, il colpo di grazia: Zampetta inizia a scalpitare tra le braccia della mamma, e inizia a dire ‘be be be’ e la mamma finge di non capire. ‘be be be, pecoa’ e punta il ditino proprio lì. Eh sì, proprio in direzione della pecora gonfiabile, oggetto di classe che staziona in casa dell’amico. Credo che a questo punto si sia potuta dire terminata la pausa nanna.

Mr Black & Mrs Molly

Da un po’ di tempo non vi parlo di pesci: purtroppo la prima generazione dei pesci del nostro acquario (ricordate Squaraus, Missile e tutti gli altri) se ne è andata nel giro di 48 ore in seguito a chissà quale epidemia. Succede…

Da qualche tempo pero’ abbiamo ricominciato a popolare la nostra scatola di vetro: prima con dei neon, poi con dei pesci con la coda bella (sentite qua la mia padronanza dei termini acquariofili!) fino a due giorni fa che siamo tornati alla carica.

La ragazza, gentile e appassionata ci ha consigliato diverse specie che potessero convivere con gli abitanti attuali: dai pesci mickey mouse, agli spadini. Ma alla fine la nostra scelta è caduta su 2 black molly, un maschio pacifico e una femmina incinta: Mr Black e Mrs Molly.

Sono neri vellutati e si sono trovati subito bene nella loro nuova casa: lui gira indisturbato curiosando qua e là. Lei con una pancia così, non fa molto altro che starsene ferma sul fondo ad aspettare.

Sembra siano pesci molto prolifici che figliano ogni 45 giorni. Che male c’è a divertirsi un po’? Unico neo, sembra che amino mangiarsi i piccoli appena nati, guarda te! Adesso aspettiamo che nascano i piccoli, sperando che qualcuno sopravviva ai genitori.

Di sicuro l’acquario si è ravvivato adesso e con i nuovi ospiti nerissimi è diventato ancora più… colorato!

Il posto di Milù

Milù, da qualche tempo ribattezzata ‘Bubù’ ovviamente dalla Zampetta, si aggira circospetta per casa: è arrivato l’autunno, le piogge, il freddo, si sta meglio dentro che fuori. Si entra in casa con la scusa di qualche crocchetta, ma poi… Ecco Milù scappare in giro per casa, alla ricerca di un riparo sicuro: e per sicuro non si intende solo un posto dove non piova ma che risponda ai seguenti requisiti:

– deve essere caldo e riparato;

– Zampetta può toccarla ma non salirci a cavalcioni ( un tentativo che fa spesso);

– noi genitori accettiamo la sistemazione come valida.

Il problema principale sta soprattutto nel terzo punto: Mr.Cap non tollera intrusioni pelose nei seguenti posti: sedie del salotto; letto del babbo e della mamma (magari anche sotto il piumone); lettino di Zampetta; divano; poltrona rossa del salotto. Insomma, vita dura per Milù, che vede ridotte a due le zone per il riposino, e cioè: angolo vicino alla stufa a pellet (vicino all’acquario);  poltrona scalcinata nella cameretta di Zampetta. Lei ha scelto quest’ultima soluzione ma, badate bene, la poltrona deve essere costantemente ripulita dal (suo) sporco, altrimenti si va alla ricerca di una nuova postazione… facendo innervosire i due genitori, che fanno presto a mandarla a prendere un po’ d’aria per la campagna! Buon riposino, Bubù!

Addio Missile!

Per il pesce rosso si piange poco, per il pesce pulitore poi non ho mai sentito nessuno andare in lutto. E così nemmeno noi a Villacamomilla ci siamo accorti della dipartita di Missile, il pesce pulitore veloce come un razzo che ci ha lasciati qualche giorno fa, con esattezza non sappiamo. Riconosciuto con sagacia e senso pratico come ‘proteina’ dai nostri famelici pesci rossi (ricordiamo i loro nomi, si è parlato di Squaraus, ma mai di Testarossa), ne è stato fatto un tetro banchetto. A noi esseri umani sono stati lasciati lische e testa, a perenne ricordo. Ciao Missile, ci mancherai.

p.s. il pomeriggio stesso, Missile è stato sostituito da Nerone.

L’editto

A.D. MMX – Villacamomilla

Io sottoscritto Mr.Cap, re e signore di Villacamomilla,

prese in esame le schiaccianti prove a suo carico,

ascoltata la difesa,

tenuto in conto dell’accusa,

DICHIARA

la gatta Milu’

COLPEVOLE

dei seguenti crimini:

1. mangiucchiamento di involtino di pollo destinato alle Nostre Maestà

2. leccamento di baffi (a causa del suddetto mangiucchiamento)

3.  apprezzamento e ostentazione senza rimorso alcuno

In virtù della provata colpevolezza della gatta Milu’ ordina l’

ESILIO

dalle nostre terre, dalla nostra casa, la confisca della lettiera, delle crocchette e delle copertine morbidose in usufrutto alla suddetta gatta.

Firmato

Mr.Cap