El pueblo unido jamas sera vencido!

Venerdi 6 maggio 2011, sciopero generale per i diritti dei lavoratori.

La Zampetta partecipa alla sua prima manifestazione sindacale esprimendo le sue idee ancora acerbe con palloncino autoesplicativo. Davanti ha lo striscione dei rudi operai della FIOM, nobile associazione di cui la mamma, orgogliosamente, fa parte. Il babbo partecipa per solidarietà, comunanza di idee e in quanto facente parte dell’inesistente sindacato dei consulenti disoccupati.

Partecipazione massiccia, per la cronaca, segno del profondo malessere del paese.

Zampetta ha gradito, oltre ai palloncini, bandiere rosse, battimani, vari slogan. Meno i fischietti.

Se continua così prevedo una lunga carriera di partecipazioni a manifestazioni e scioperi.

p.s.

devo cominciare a farle sentire qualche canzone adatta….

Annunci

…abbastanza liberale

Cara Zampetta, come facciamo a non condizionarti e a lasciarti libera nelle tue scelte? No, la buona volontà ce la mettiamo e nelle intenzioni tu sei libera, quando sarai grande, di fare tutte le scelte che vorrai, anche quelle che non approveremo, ma non si può dire che non sarai condizionata! (ma questo è normale in tutte le famiglie, vero?).

Una delle prime facce che hai visto è stata quella di Berlusconi sulla copertina de L’espresso, il babbo ti incita a fare tanta cacca che la porterà tutta al presidente del consiglio. In casa il giornale più a destra è La repubblica e comunque non è il più acquistato in questo periodo.

Di politica se ne parla abbastanza e il babbo tende a farti partecipe della cosa.

L’altra sera a cena i tuoi genitori in vena di riflessioni sconsolate si dicevano a vicenda:

“Fortunata Zampetta che hai una mamma comunista abbastanza liberale!”

“Sfortunata Zampetta che hai un babbo comunista dittatoriale!”

p.s.

Ieri in macchina la Spiff si mette a cantare Bella Ciao  chiedendosi: “Ma perché oggi non si cantano più queste canzoni? I miei nonni me le cantavano da bambina…”